×

Attenzione

Direttiva EU e-Privacy

Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti per il suo normale funzionamento, per elaborazioni statistiche e controllo di qualità, e per fornire le funzionalità di condivisione facoltativa sui social network. Si rende noto che se usi le funzioni che interagiscono con i social network, questi potrebbero tracciare la tua navigazione con i loro cookies. Per avere maggiori informazioni su tutti i cookie utilizzati e su come disabilitarli leggi l’informativa.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Hai rifiutato l'utilizzo dei cookie. Questa decisione può essere annullata.

Molecular Farming: le piante come "biofabbrica" di farmaci

Mai, come in questi giorni, ci è parsa cruciale la capacità di produrre rapidamente grandi quantitativi di un farmaco o di un vaccino. Ebbene, tra i più abili produttori di sostanze farmacologiche ci sono senz'altro le piante, da cui ancora oggi deriva circa il 25% dei principi attivi utilizzati dall'industria farmaceutica. Ma si può fare di più: grazie all'impiego delle biotecnologie è possibile utilizzare le piante non solo come "fonte" di principi attivi naturali, ma anche come vere e proprie bio-fabbriche per la sintesi di farmaci biotecnologici. Su questa frontiera, detta del molecular farming, si muove il laboratorio biotecnologie dell'ENEA che  recentemente ha messo a punto un sistema di produzione di anticorpi monoclonali per il trattamento di tumori' basato su piante di tabacco selvatico. Ma, come vedremo, si tratta di un filone in crescita in tutto il mondo, tanto che anche uno dei vaccini allo studio contro il covid punta su questa soluzione. 

A SmartCity Radio 24 ospite di Maurizio Melis - MarcelloDonini -  ENEA Divisione Biotecnologie e Agroindustria - Laboratorio Biotecnologie (ascolta l'audio della trasmissione)


Stampa   Email